top of page
texture-3_edited.jpg
08 - Koalas_cr Joel Sartore-National Geographic Photo Ark_11481509.jpg

Joel Sartore/National Geographic Photo Ark

A koala, Phascolarctos cinereus adustus, with her babies at Australia Zoo Wildlife ​Hospital,2011.
 

Progetto ​ L'interazione tra gli animali e il loro ambiente è fondamentale per mantenere sano il pianeta che chiamiamo casa. Ma per molte specie il tempo sta per scadere. L'eliminazione di una di esse si ripercuote su tutti noi. L'Arca fotografica del National Geographic è uno sforzo pluriennale per sensibilizzare l'opinione pubblica e trovare soluzioni ad alcuni dei problemi più urgenti che riguardano la fauna selvatica e i suoi habitat. Fondato da Joel Sartore - National Geographic Explorer, fotografo e Rolex National Geographic Explorer of the Year 2018 - il progetto mira a documentare tutte le specie che vivono negli zoo, negli acquari e nei santuari della fauna selvatica del mondo, a ispirare l'azione attraverso l'educazione e a contribuire a salvare la fauna selvatica sostenendo gli sforzi di conservazione sul campo.

23 - Joel Sartore with Serval_cr Cole Sartore-National Geographic Photo Ark_ONA001-00013_H
Sartore è National Geographic Explorer, relatore pubblico, autore, educatore, conservazionista e collaboratore regolare della rivista National Geographic.
21 - Joel Sartore_credit Ellen Sartore_ONA007-00237_hr.jpeg

National Geographic Photo Ark
Portrait of Joel Sartore, 2021, by Ellen Sartore.

JOEL SARTORE

Nel 2006, Joel Sartore, fotografo di fama mondiale, ha fondato la National Geographic Photo Ark con l'obiettivo di documentare tutte le specie che vivono sotto la tutela dell'uomo, di ispirare l'azione attraverso l'educazione e di contribuire a salvare la fauna selvatica sostenendo gli sforzi di conservazione sul campo. Per oltre 15 anni ha viaggiato in zoo, acquari e santuari della fauna selvatica di tutto il mondo nel tentativo di creare un archivio fotografico della biodiversità globale. Sartore è National Geographic Explorer, relatore pubblico, autore, educatore, conservazionista e collaboratore regolare della rivista National Geographic. Nel 2018 è stato nominato Rolex National Geographic Explorer of the Year.

Sartore ha prodotto diversi libri, tra cui Photo Ark Wonders: Celebrating Diversity in the Animal Kingdom, RARE: Portraits of America's Endangered Species, Photographing Your Family, The Photo Ark, Animal Ark e The Photo Ark Vanishing: The World's Most Vulnerable Animals.

Oltre al lavoro svolto per il National Geographic, Sartore ha contribuito alla rivista Audubon, a Life, al New York Times, a Sports Illustrated e a numerosi progetti di libri. Sartore e il suo lavoro sono stati oggetto di numerose trasmissioni nazionali, tra cui National Geographic's Explorer, NBC Nightly News, NPR's Weekend Edition, Fresh Air with Terry Gross e la serie di documentari della PBS, Rare: Portraits of the Photo Ark. Partecipa inoltre regolarmente al Sunday Morning Show della CBS.

I tratti distintivi di Sartore sono il senso dell'umorismo e l'etica del lavoro del Midwest. Si è laureato in giornalismo all'Università del Nebraska. Attualmente vive a Lincoln, Nebraska, con la moglie e i figli.

 

Creare ritratti di speranza ​ Joel Sartore ha avviato la National Geographic Photo Ark nella sua città natale, Lincoln, Nebraska, più di 15 anni fa. Da allora Sartore, fotografo di fama mondiale, ha viaggiato in tutto il mondo nel tentativo di creare un archivio fotografico della biodiversità globale, che conterrà i ritratti di oltre 20.000 specie di uccelli, pesci, mammiferi, rettili, anfibi e invertebrati. Una volta completata, l'Arca fotografica sarà un'importante testimonianza dell'esistenza di ogni animale e una forte testimonianza dell'importanza di salvarli. A prescindere dalle dimensioni, ogni animale viene trattato con lo stesso affetto e rispetto. Il risultato sono ritratti non solo di straordinaria bellezza, ma anche intimi e commoventi. "È il contatto visivo che commuove le persone", spiega Sartore. "Coinvolge i loro sentimenti di compassione e il desiderio di aiutare". ​

bottom of page